10/08/2016 4.00

Fano, Volandri doma la pioggia e Trinker

Pioggia protagonista a Fano. Il maltempo scombussola i piani dell'Adriatic Challenger, torneo internazionale Atp da 42.500 euro di montepremi più ospitalità. Rovesci sì, ma temporaleschi, hanno costretto gli organizzatori a rivedere tutto il programma di gioco e solo a partire dalle ore 18 i primi match hanno potuto avere inizio. Dopo la pioggia, dunque, sl campo centrale del Circolo Tennis Fano il primo ad andare in scena è stato un brillante Filippo Volandri. Il livornese, che conferma le buone sensazioni ritrovate durante tutta questa stagione, si è imposto con un duplice 6-2 sull'austriaco Bastian Trinker. 

L'azzurro è partito forte andando subito avanti di due break mantenendo le distanze fino a fine parziale. Nel secondo set stesso andamento, ma con i break giunti nel terzo e nel settimo gioco. Per il toscano nei quarti di finale c'è la sfida contro il vincente dell'ottavo tra il piemontese Lorenzo Sonego e la testa di serie numero 3 del torneo, vale a dire l'argentino Nicolas Kicker. Ancora in corso, sempre a causa dei ritardi dovuti al maltempo, anche il match tra il ligure Gianluca Mager e il francese Axel Michon. Nella sessione serale, è previsto l'incontro tra l'altro piemontese Matteo Donati (alessandrino, per la precisione) e il belga Arthur De Greef. Il primo, allievo di coach Massimo Puci, è in tabellone grazie a una wild card ed è reduce dai quarti di finale nel challenger di Cortina, dove è stato battuto dal futuro vincitore Joao Souza.

Con i protagonisti costretti ai box per tutta la giornata a causa dell'acqua, e solo in serata tornati a calcare la terra rossa del Ct Fano, ecco l'occasione per fare il punto sul momento dei giovani azzurri. A farlo è il tecnico federale Giorgio Galimberti, ex davisman azzurro e oggi anche responsabile del progetto Fit Over 18. “Tra Cortina e Fano, ma anche in precedenza, ho potuto assistere a prestazioni molto buone e convincenti dei nostri. L'ultima in ordine cronologico, proprio qui all'Adriatic Challenger, quella di Andrea Pellegrino contro lo spagnolo Carballes Baena (testa di serie n.1 del torneo, ndr). Un match che è l'ennesima prova di quanto i giovani azzurri stiano crescendo settimana dopo settimana". 

"Il passaggio dai tornei Futures ai Challenger non è mai facile - prosegue Galimberti -, ma ci stanno facendo vedere grande personalità”. E Pellegrino non è il solo che ha conquistato le attenzioni del tecnico lombardo oggi di base a San Marino. “Lo stesso discorso vale per Bahamonde, Mager, Sonego, Donati e anche Eremin, nonostante la sconfitta con Volandri. Tutti stanno dimostrando come il progetto over 18 dia risultati, ed è un bene per tutto il movimento vedere le giovani leve vincere partite e collezionare bei risultati”. Il tutto in attesa che il sole torni a fare capolino sulla terra rossa e che gli appassionati affollino le tribune del Ct Fano. A proposito, l'ingresso è gratuito per tutta la durata della manifestazione, mentre news e live score sono disponibili sul sito www.adriatichallengerfano.com.